Ascesa al Gran Paradiso

Camminare, salire, scrutare, capire la morfologia del ghiacciaio. Improvvisamente si apre una crepaccia profonda dieci metri, buia, di cui a malapena si vede il fondo. La aggiriamo intimoriti e rispettosi. Il ghiacciaio è un enorme dio che bisogna conoscere, che incute paura, placido e implacabile. Nel Buio la torcia ci permette di vedere a circa trenta metri da noi, dobbiamo affidare buona parte della scelta dell’itinerario alle osservazioni fatte da lontano nei giorni passati.

Continua a leggere “Ascesa al Gran Paradiso”

Amanda I(k)nox was an inside job

Si ringrazia per l’ispirazione il tizio di fianco a me sull’InterCity Pescara – Milano e il suo erasmus. In questo antieditoriale gioco a fare Sherlock Holmes, che sogno spesso e volentieri, sebbene mi sia sempre sentito più un Watson.

L’estate italiana, sole, mare e morte. No, non è la parodia macabra dell’insopportabile pubblicità Sammontana, ma il prototipo della filastrocca che da anni si ripalesa, come da copione, nel Belpaese. Tra un servizio di Studio Aperto dove si consiglia di bere tanta acqua, uscire nelle ore meno soleggiate e non abbandonare i vecchi in autostrada e l’altro, sotto gli ombrelloni si parla di morte. Allora ho deciso, in un’afosa notte di agosto, di concedermi alla nostalgia e ripercorrere con la memoria otto anni di Clemente J. Mimun che ci parla della saga più intrigante dai tempi del mostro di Firenze, e di come Mediaset sia la vera mandante dell’omicidio di Perugia.

Continua a leggere “Amanda I(k)nox was an inside job”

Il Referendum Costituzionale, spiegato e commentato

Il 4 dicembre 2016 i cittadini italiani saranno chiamati a votare al referendum riguardante le modifiche costituzionali. Poiché ci rendiamo conto dell’enorme portata di questo avvenimento e perché siamo convinti che ognuno debba esserne partecipe, avente o meno il diritto di voto, vorremmo provare a spiegarvi, da studenti a studenti, in cosa consiste la riforma e quali siano i cambiamenti proposti, oltre a esporre le nostre ragioni per il sì e per il no.

articolo-referendum-italia

Continua a leggere “Il Referendum Costituzionale, spiegato e commentato”

Il referendum in Ungheria è una minaccia al nostro futuro

Il 2 di Ottobre in Ungheria si è tenuto un referendum a proposito delle quote di ripartizione del fenomeno migratorio che l’Unione Europea impone agli stati membri. Il quesito posto era articolato così: “Volete o no che la Ue decida quote di ripartizione di migranti tra i suoi Stati membri, senza prima ascoltare governi e parlamenti a sovranità nazionale?”.

Hungarian Roma boys walk in front of the Hungarian goverment's poster regarding referendum on EU migrant quotas in Budapest

Continua a leggere “Il referendum in Ungheria è una minaccia al nostro futuro”

La pace Colombiana

Saranno anche estremamente sopravvalutati e politicizzati, ma i premi Nobel sono comunque belli da ricevere. Chiedetelo a Juan Manuel Santos, presidente della Colombia: la sera del 2 ottobre, dopo che il popolo colombiano aveva rifiutato l’accordo di pace che il suo governo aveva stipulato con i guerriglieri delle Farc, egli stava contemplando non solo il fallimento di sei anni di trattative ma anche della sua presidenza. Cinque giorni dopo la Commissione norvegese ha annunciato che Santos aveva vinto il premio Nobel per la pace. È stata una vittoria corroborante: persino Àlvaro Uribe, il suo principale avversario politico e paladino del No al referendum, ha offerto moderate congratulazioni.

pace-colombiana

Continua a leggere “La pace Colombiana”

Editoriale 1

“In tutta la mia vita non ho mai scritto qualcosa per divertire e basta. Ho sempre cercato di mettere dentro ai miei testi quella crepa capace di mandare in crisi le certezze, di mettere in forse le opinioni, di suscitare indignazione, di aprire un po’ le teste. Tutto il resto, la bellezza per la bellezza, non mi interessa” Continua a leggere “Editoriale 1”